Santo Domingo

Santo Domingo, tutta da scoprire

Santo Domingo, la più vecchia città del nuovo mondo offre una raccolta incredibile di musei, siti storici, arte e musica. La Città coloniale, situata all’interno di Santo Domingo, è la prima città delle Americhe e raccoglie al suo interno la prima strada, il primo ospedale, la prima università e la prima cattedrale costruiti nel nuovo continente. Si dice che il corpo di Cristoforo Colombo, che sbarcò su quest’isola centinaia di anni fa, sia tuttora sepolto qui.
I tanti musei ed edifici storici dell’isola permettono di avere una visione unica della cultura dominicana. Tra gli altri è possibile ricordare l’Alcázar de Colon (fortezza di Colombo), il Reloj de Sol (orologio solare) e il monastero dei Padri Dominicani.
Con oltre tre milioni di abitanti, la cosmopolita città di Santo Domingo è probabilmente il luogo più pieno di vita di tutti i Caraibi. Santo Domingo vanta una cultura ricca e una lunga storia che si intrecciano con i più moderni sviluppi. Nella storica Città coloniale, nuovi e moderni hotel si affacciano su antiche strade di ciottoli, auto di lusso dividono le strade con carretti trainati da cavalli, i luoghi della più innovativa gastronomia internazionale prosperano accanto alla classica cucina creola, ed edifici del 21° secolo si innalzano accanto a case tradizionali del 15° e 16° secolo.
In qualità di più vecchia città del Nuovo Mondo, la Città coloniale di Santo Domingo ospita la prima strada, la prima cattedrale, la prima università e il primo ospedale costruiti nelle Americhe. Ben conservata e dichiarata nel 1990 Sito patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, molto spesso questa antica città fa sentire i visitatori trasportati a ritroso nel tempo.

Inoltre, dopo averla selezionata come Capitale americana della cultura per il 2010, l’Organizzazione delle capitali culturali in collaborazione con le autorità dominicane ha recentemente invitato il pubblico a scegliere i sette tesori dell’eredità culturale di Santo Domingo tra 27 siti di interesse culturale. I sette tesori eletti con voto unanime comprendono il palazzo di Colombo, la prima cattedrale del Nuovo Mondo, il forte Ozama, il Museo delle case reali, i Giardini botanici nazionali, la passeggiata sul Mar dei Caraibi chiamata El Malecón e il Palazzo delle belle arti.

SHOPPING

A Santo Domingo è possibile trovare qualsiasi cosa. La Repubblica Dominicana ha accordi di libero scambio con gli Stati Uniti e l’Europa, evidenziati dal grande numero di prestigiosi negozi e marchi internazionali. Tra i più popolari centri commerciali della capitale è possibile ricordare Plaza Central, Acrópolis, Blue Mall, Megacentro, Mercado Modelo, Calle El Conde, Centro commerciale Bella Vista, Avenida Duarte, Plaza Lama, Americana Departamentos, Centro Cuesta Nacional, Jumbo, Sema, Multicentro Churchill e IKEA.








PARCHI

Santo Domingo è una città con grandi parchi che impressionano e incantano i visitatori. I suoi splendidi Giardini botanici nazionali ospitano una raccolta di flora nativa e un giardino giapponese all’altezza di quelli che è possibile vedere nel paese del sol levante. L’affascinante Parco zoologico della città ospita animali selvaggi che possono muoversi liberamente tra sentieri sotto alti alberi e una grande savana. Un’altra zona simile a un parco è la passeggiata sul mare di Santo Domingo, chiamata El Malecón. El Malecón costeggia l’azzurro Mar dei Caraibi, con hotel di lusso e casinò che si affacciano sull’oceano dalla parte opposta. Una delle mete preferite di migliaia di dominicani è il parco Mirador del Sur. Questi sei chilometri di verde cittadino sono il punto ideale dove incontrare gli amici per una passeggiata, una corsa, un giro in bicicletta o sui pattini. Il parco offre diverse specie di alberi e viste del Mar dei Caraibi ineguagliate nella regione.
Nella parte orientale della città vi sono altri due parchi importanti: l’Acquario nazionale e il Parco nazionale di Los Tres Ojos, dove si trova un gruppo di tre caverne calcaree, sorgenti e numerose stalattiti e stalagmiti all’interno delle grotte.

VITA NOTTURNA 

Con la sua numerosa popolazione adulta, durante la notte Santo Domingo diventa una città eccitante e stimolante.  Discoteche, bar, caffè e punti di ritrovo sono sparsi in tutta la città.
Nella zona della Città coloniale compresa tra Plaza de España, il parco di Colombo e Gustavo Mejía Ricart è possibile trovare locali che propongono ogni tipo di musica.
Altri locali con musica comprendono la Casa del teatro, il Bohemian Nights e il jazz del Jet Set, dove gruppi suonano musica dal vivo ogni lunedì.
Altre proposte di musica più tradizionale sono numerose nelle grandi sale da concerto cittadine, che spesso ospitano le più famose star latinoamericane, europee e nordamericane.

 

 



L’ISOLA 
(fonte Ministero del Turismo)

La Repubblica Dominicana è ricca di cultura, storia e bellezza. I muri delle strade di ciottoli della sua Città coloniale sono stati testimoni della ricchezza del suo passato come prima città fondata nelle Americhe. La Repubblica Dominicana ha infatti iniziato a scrivere la propria storia oltre 500 anni fa. I primi abitanti dell’isola furono i pacifici Indiani Taino, che trascorrevano le loro giornate cacciando, pescando e coltivando i campi. Il 5 dicembre 1492 sull’isola sbarcò l’Ammiraglio Cristoforo Colombo. La battezzò Hispaniola, avviando così l’incontro tra due culture che in seguito portarono alla fondazione di Santo Domingo, la prima città delle Americhe. Per anni Hispaniola ha attreversato numerosi cambi di potere fino ad arrivare ad oggi che la vede divisa in due: da una parte la Repubblica Dominicana che occupa i due terzi orientali dell’isola di Hispaniola,e dall’altra la Repubblica di Haiti. La Repubblica Dominicana gode tutto l’anno di un clima di tipo tropicale. A seconda della località prescelta, la giornata tipica può regalare il pieno sole o una combinazione di sole e nubi. Le temperature medie annuali vanno da 19° a 34°C. La stagione più fredda va da novembre ad aprile, mentre quella più calda va da maggio a ottobre.


Gran parte della cultura dominicana si esprime attraverso i suoi musei, il cibo e la musica. Ma è il carnevale la vera porta alla profondità del popolo dominicano Questa festa annuale dell’indipendenza si tiene in tutto il paese, con ogni città impegnata a offrire la sua originale versione della commemorazione. La gente riempie le strade di maschere colorate, musica e naturalmente di balli. Ma non sempre il carnevale è stato quel che è ora. Esso è la sintesi dell’espressione delle culture dei nativi Indiani Taíno, dei colonizzatori spagnoli e degli schiavi africani. Culture che, in un mix unico, creano un vortice di energia e cultura che è impossibile trovare altrove. Il carnevale dura per tutto febbraio, con il suo culmine il giorno 27.

LE SPIAGGE DI SANTO DOMINGO

Circondata da oltre 400 chilometri di coste a nord, est e sud, le spiagge della Repubblica Dominicana sono note in tutto il mondo per motivi facili da capire. Queste spiagge incontaminate di sabbia bianca sono bagnate dalle calde acque blu del Mare dei Caraibi e dell’Oceano Atlantico.











BOCA CHICA
 

Per la sua vicinanza a Santo Domingo, Boca Chica è nota come la spiaggia della capitale. La spiaggia è molto ben protetta da un’ampia barriera corallina, e le sue acque poco profonde ne fanno il luogo preferito per le famiglie in vacanza. La spiaggia offre inoltre venti perfetti per andare a vela, ed è pertanto una delle migliori destinazioni per le regate. La zona è circondata da numerosi ristoranti specializzati in piatti a base di pesce e molluschi.

 


 





PLAYA CARIBE
 

Situata a soli dieci minuti da Boca Chica e a 45 minuti dalla capitale, questa spiaggia, nota anche come Spiaggia dell’ambasciata, si affaccia su una stretta insenatura con acque molto calme la mattina. Verso metà giornata le onde iniziano ad alzarsi e sono l’ideale per la pratica del surf e del boogie board.











GUAYACANES E JUAN DOLIO


Popolari per i loro ottimi ristoranti, queste spiagge attraggono i residenti di Santo Domingo per lunghi fine settimana, e sono perfette per lunghe passeggiate sotto le palme da cocco. Attraverso il Ministero del turismo, recentemente il Governo ha investito alcuni milioni di dollari per ristrutturare ed estendere la spiaggia di Juan Dolio.

Seguici su: facebook logo
you tube trip tra